umu.sePublications
Change search
CiteExportLink to record
Permanent link

Direct link
Cite
Citation style
  • apa
  • ieee
  • modern-language-association-8th-edition
  • vancouver
  • Other style
More styles
Language
  • de-DE
  • en-GB
  • en-US
  • fi-FI
  • nn-NO
  • nn-NB
  • sv-SE
  • Other locale
More languages
Output format
  • html
  • text
  • asciidoc
  • rtf
I riferimenti dei nomi secondo Antonio Rosmini
Umeå University, Faculty of Arts, Department of language studies.
2016 (Italian)Independent thesis Basic level (degree of Bachelor), 10 credits / 15 HE creditsStudent thesisAlternative title
Antonio Rosminis uppfatning om nomina referens (Swedish)
Abstract [it]

Partendo dall’osservazione critica del razionalista-soggettivista Erik Olof Burman (1845–1929) che Antonio Rosmini (1797–1855) rappresenti una gnoseologia troppo oggettiva, si è provato a illuminare la posizione di Rosmini sugli assi soggettivismo–realismo mediante un’analisi dei suoi pareri quanto ai riferimenti dei nomi. Già la sua concezione della percezione di oggetti individuali mostra che Rosmini ascrive all’atto di denominare un ruolo determinante per la conoscenza umana. I nomi degli oggetti particolari si riferiscono sia all’idea dell’oggetto sia all’oggetto stesso. Anticipando teorie successive (Mill) e moderne (Kripke) Rosmini rifiuta che nomi propri possano essere ridotti a descrizioni: afferma che il loro significato è fissato ostensivamente e che mancano connotazioni. Idee universali appaiono sia in forma innominata costituendo la base dei nomi comuni, sia in forma nominata come puri nomi astratti. Sostenendo che tutti gli altri universali derivano dall’idea dell’essere in combinazione con percezioni, la teoria rosminiana sembra di trascurare l’importanza dell’idea di somiglianza. Trovando Rosmini più oggettivista di sé, Burman ha ragione. Ciò nonostante, a causa del loro atteggiamento teologico, l’ontologia di tutti e due i filosofi ha un tratto fondamentale di oggettivismo. Rimane però più mistico che scientifico a che cosa si riferisca ”l’essere”, nome del più importante universale della filosofia di Rosmini e, secondo lui, denotante qualcosa senza il quale non sarebbe reale niente.

Place, publisher, year, edition, pages
2016. , 35 p.
Keyword [it]
Burman, Rosmini, nomi comuni, nomi propri, universali, individualità, oggettivismo, soggettivismo, idealismo, realismo
National Category
Humanities Specific Languages
Identifiers
URN: urn:nbn:se:umu:diva-122499OAI: oai:DiVA.org:umu-122499DiVA: diva2:939710
Subject / course
Italienska, examensarbete för kandidatexamen
Presentation
2016-06-17, HC102, Humanisthuset, Umeå, 10:51 (Italian)
Supervisors
Examiners
Available from: 2016-06-20 Created: 2016-06-18 Last updated: 2016-06-20Bibliographically approved

Open Access in DiVA

fulltext(494 kB)71 downloads
File information
File name FULLTEXT01.pdfFile size 494 kBChecksum SHA-512
c757ec37d8fa46d72ad0587e70e236affaf3c7af4683f3904a3b3333977168e332086fc0e9d2f411a9f5e13c048408de28a698a1ed217dd26d607610c7bec3d1
Type fulltextMimetype application/pdf

Search in DiVA

By author/editor
Täljedal, Inge-Bert
By organisation
Department of language studies
HumanitiesSpecific Languages

Search outside of DiVA

GoogleGoogle Scholar
Total: 71 downloads
The number of downloads is the sum of all downloads of full texts. It may include eg previous versions that are now no longer available

urn-nbn

Altmetric score

urn-nbn
Total: 85 hits
CiteExportLink to record
Permanent link

Direct link
Cite
Citation style
  • apa
  • ieee
  • modern-language-association-8th-edition
  • vancouver
  • Other style
More styles
Language
  • de-DE
  • en-GB
  • en-US
  • fi-FI
  • nn-NO
  • nn-NB
  • sv-SE
  • Other locale
More languages
Output format
  • html
  • text
  • asciidoc
  • rtf